Calcolare il Costo della Luce: Una Guida Pratica

Servizio Gratuito: dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 20:00 ed il Sabato dalle 9:00 alle 17:00

Sommario: Il costo della luce varia in base a diversi fattori, dei quali il più interessante è il costo orario dell’energia elettrica con i vari fornitori. Se vuoi sapere quanto stai pagando un kWh con il tuo attuale attuale fornitore, basta dividere il prezzo della componente energia, riportato alla voce di vendita della corrente, per i kW consumati.

OFFERTE LUCE CASA
Enel Flex PUN + 0,0367 €/kWh
Engie Energia VedoChiaro PUN + 0,0198 €/kWh
Iren 10x3 Variabile Luce Verde PUN + 0,044 €/kWh + 10€ costi mensili di commercializzazione
Wekiwi Energia alla fonte (Sconto intero) PUN + 0.05€/kWh*

Se desideri risparmiare in bolletta, capire le dinamiche e i fattori che determinano il costo della luce ti sarà senz’altro di aiuto nella scelta dell’offerta per la tua fornitura di casa. In questa guida ti spieghiamo come calcolarlo, qual è il prezzo dell’energia elettrica oggi e in che modo varia il suo andamento, sia nel Mercato Tutelato che nel Mercato Libero.

Ti forniamo anche una panoramica delle offerte con il costo luce al kWh più conveniente, così da poterle confrontare con la tua attuale tariffa e valutare se ci sono margini di risparmio.

Ecco nel dettaglio quali sono le informazioni che troverai nei successivi paragrafi:

  • Come varia il Costo Luce kWh in Italia?
  • Costo Luce kWh per Fornitore: Le Tariffe Convenienti
  • Come si calcola il Costo dell’Energia Elettrica?
  • Quali Fattori Influenzano il Costo Luce kWh?
  • Quanto Costa l’Energia Elettrica al Metro Quadro?
  • Cosa si intende per Kilowattora?

Come varia il Costo Luce kWh in Italia?

Se stai valutando un cambio fornitore di energia elettrica per risparmiare in bolletta, tra i valori da considerare figura senza dubbio il costo della luce al kWh. Così puoi confrontare il prezzo della luce che attualmente paghi con quello della soluzione di tuo interesse. A tale scopo è utile avvalersi del comparatore delle offerte luce e gas che agevola tale operazione.

Ma come varia il costo luce al kWh in Italia? Per rispondere a tale domanda bisogna fare una distinzione tra il Mercato Libero e quello Tutelato e capire chi definisce il prezzo del kWh.

Costo Luce kWh nel Mercato Libero

All’interno del Mercato Libero dell’energia il costo luce cambia a seconda del singolo fornitore, che lo determina liberamente operando, secondo la propria politica commerciale, in un regime concorrenziale.

Infatti, la spesa per la materia prima energia rappresenta la voce su cui la società di vendita ha la facoltà di agire, poiché questa fa riferimento ai costi di approvvigionamento così come a quelli di vendita e commercializzazione.

Di conseguenza, il prezzo della componente energia espresso in € per kWh è la discriminante da valutare nel momento in cui ci si appresta a scegliere per esempio l’offerta più vantaggiosa da attivare per un allaccio luce o un subentro luce.

Prezzo fisso o variabile?

I fornitori luce e gas del Mercato Libero hanno anche la possibilità di predisporre soluzioni di fornitura con:

  • prezzo luce fisso, generalmente bloccato per 12 o 24 mesi
  • prezzo luce indicizzato, che segue l’andamento dell’indice del mercato all’ingrosso
  • rata mensile invariabile, con formula in abbonamento
  • tariffe multiorarie, oltre ai profili tariffari disponibili anche nel Servizio di Maggior Tutela (monorario e biorario).

In più, i prezzi delle offerte luce variano ulteriormente in funzione degli sconti applicati, dei servizi aggiuntivi inclusi gratuitamente o a costo ridotto e delle promozioni in corso. Per esempio, in vista della cessazione del Mercato Tutelato dell’energia prevista per aprile 2024, oggi diversi gestori propongono particolari scontistiche sul prezzo della componente energetica, riservate agli utenti che non hanno ancora effettuato il passaggio al Mercato Libero.

Qual è il costo luce kWh nel Mercato Tutelato?

Se una delle tue domande è quanto costa la luce al kWh nel Mercato Tutelato, di seguito troverai la risposta ai tuoi dubbi.

Nel Servizio di Maggior Tutela il prezzo dell’energia elettrica per kilowattora è stabilito dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Dunque, i provider operanti nel Tutelato, come il Servizio Elettrico Nazionale, non fanno altro che applicare le condizioni economiche e contrattuali definite dall’ARERA.

L’aggiornamento della tariffa per l’energia elettrica ha cadenza trimestrale. Il costo luce di ARERA attualmente in vigore, relativo all’ultimo trimestre dell’anno, è pari a:

  1. 0,157910 €/kWh monorario per residenti
  2. 0,161720 €/kWh F1 e 0,156110 €/kWh F2-F3 biorario per residenti.

La tariffa monoraria interessa le forniture di energia elettrica per uso domestico alimentate in bassa tensione e prevede un unico prezzo durante tutta la giornata, a prescindere dalla fascia oraria in cui questa viene impiegata.

Invece, quella bioraria presenta una differenziazione del costo luce in funzione dei momenti di utilizzo dell’elettricità. Nel dettaglio:

  • la fascia F1, più onerosa poiché include le ore cosiddette di punta, è valida dalle 8.00 alle 19.00 nei giorni feriali, ad esclusione delle festività nazionali
  • la fascia F2-F3, più conveniente, comprende le ore tra le 19.00 e le 8.00 dal lunedì al venerdì, nonché il sabato, la domenica e i giorni festivi.

Il prezzo luce di ARERA per la famiglia tipo servita nel Mercato Tutelato, comprensivo delle tasse, è pari a 28,29 centesimi di euro al kWh. Ecco qual è l’incidenza di ogni voce, espressa in percentuale, rispetto al totale della bolletta dell’energia:

  • 63,5% per la spesa per la materia energia
  • 14,1% per il trasporto e la gestione del contatore
  • 10,5% per gli oneri di sistema
  • 11,9% imposte (IVA e accise).

A partire da gennaio 2024, il mercato tutelato chiuderà, e chi ha sottoscritto una tariffa con questo servizio dovrà procedere ad effettuare il passaggio al mercato libero. Se rientri in questa casisitica, sarà sicuramente di tuo interesse scoprire quale tariffa luce del mercato libero fa maggiormente al caso tuo.


Engie Placet Fissa

132 €/anno + 0,5842 €/kWh

Tariffa Fascia F1

  • icon money Prezzo fisso per 12 mesi
  • icon star Offerta attivabile online
  • icon saving Tra le più convenienti

Se attivi le offerte Engie con Papernest avrai diritto a 60€ di sconto nelle tue future bollette! Cosa aspetti? Inizia a risparmiare!


Wekiwi Energia alla fonte

PUN + 0.165 €/kWh*

Tariffa Fascia 1

  • icon saving Sconti sulla Carica Mensile
  • icon chart Prezzo in base al PUN
  • icon money Sconto Online disponibile

L'offerta è attualmente disponibile


Eni Plenitude Trend Casa

PUN + 0,0231 €/kWh*

Tariffa Fascia 0

  • icon green-leaf 100% sostenibile
  • icon star Tra le più convenienti
  • icon fast-download Bolletta Web

Trend Casa è disponibile anche con tariffa bioraria!

Costo Luce kWh per Fornitore: Le Tariffe Convenienti

Con la liberalizzazione del mercato elettrico che sta per giungere al suo completo compimento, vi sono oltre 600 fornitori di energia elettrica per la clientela domestica attivi in Italia (dati gennaio 2023). Nel regime di libera concorrenza ogni venditore delinea in autonomia le condizioni contrattuali ed economiche da proporre agli utenti. Allo stesso tempo, il consumatore è libero di selezionare il provider e la tariffa che più lo aggradano, massimizzando il risparmio in bolletta.

Inoltre, i pacchetti energetici sono spesso configurati sulle esigenze specifiche del target a cui si rivolgono. È il caso ad esempio delle offerte luce per giovani, di quelle per le seconde case o dei pacchetti dual fuel, per chi necessità della fornitura congiunta di energia e gas.

Il prezzo di vendita dell’energia elettrica che caratterizza le singole promo viene costantemente aggiornato dalle società di vendita. Perciò, il consiglio è quello di consultare periodicamente il listino commerciale delle compagnie, così da rimanere aggiornati sulle nuove tariffe, ad esempio per eseguire una voltura della luce con cambio fornitore.

Nei prossimi paragrafi andiamo a scoprire il costo della luce proposto da alcuni player nazionali, illustrandoti le seguenti offerte:

  • Enel Flex Luce
  • Engie Energia Agile
  • Iren 10×3 Variabile Luce Verde
  • Wekiwi Energia alla Fonte

Enel Flex Luce

L’offerta Flex Luce di Enel Energia è sottoscrivibile esclusivamente in caso di cambio fornitore. Si tratta di una soluzione indicizzata, ovvero il prezzo dell’energia è allineato all’indice PUN (Prezzo Unico Nazionale) differenziato per fascia oraria. A quest’ultimo si aggiungono poi un contributo al consumo fisso per 12 mesi e la quota annuale per i servizi di vendita, da corrispondere su base mensile.

Con un anticipo di tre mesi rispetto alla scadenza del contratto di fornitura, il provider comunicherà al cliente finale le nuove condizioni economiche per il rinnovo dell’offerta trioraria.

Di seguito, una tabella che riassume il costo della luce di Enel Energia per questa proposta.

Costo Luce Enel Flex
Fascia F1 8.00 – 19.00 dal lunedì al venerdì, escluse festività nazionali PUN + 0,0367 €/kWh Costi di commercializzazione pari a 144,00€ all’anno
Fascia F2 07.00 – 8.00 e 19.00 – 23.00 dal lunedì al venerdì, sabato 07.00 – 23.00 escluse festività nazionali PUN + 0,0367 €/kWh
Fascia F3 23.00 – 7.00 dal lunedì al sabato, domenica e festività nazionali PUN + 0,0183€/kWh

Il costo luce al kWh associato alla fascia F3 consente di risparmiare sull’impiego della corrente in orario notturno e nei festivi. Infine, aderendo a Enel Flex Luce si ha accesso al programma fedeltà EnelPremia WoW!, che riserva bonus e sconti aggiuntivi.

Engie Energia Agile

Per quanto riguarda Energia Agile di Engie, ora denominata Energia VedoChiaro, si tratta dell’offerta luce dedicata a tutti i clienti domestici già allacciati alla rete di distribuzione elettrica. Il prezzo della materia prima energia è variabile e in linea con l’andamento dell’indice PUN differenziato per fasce.

Oltre al costo di mercato, vi è un contributo applicato sui consumi, invariabile per 12 mesi, pertanto il totale ammonta a PUN + 0,0198 €/kWh. La quota di vendita è pari a 84,00€ all’anno.


Il piano energetico Energia VedoChiaro, ex Energia Agile, prevede:

  • l’erogazione di energia verde certificata, interamente prodotta da fonti rinnovabili e senza spese aggiuntive
  • l’attivazione online in pochi clic mediante procedura web
  • la domiciliazione bancaria o postale come metodo di pagamento.

Iren 10×3 Variabile Luce Verde

10×3 Variabile Luce Verde di Iren è una soluzione a prezzo variabile, attivabile in caso di:

  • cambio offerta, per i clienti di Iren Luce Gas e Servizi che desiderano modificare il loro piano energetico
  • cambio fornitore, per coloro che intendono passare a Iren da altro operatore
  • subentro, per la riattivazione di un contatore attualmente disattivato, ma in passato funzionante
  • voltura, per modificare l’intestazione di una fornitura di energia elettrica ancora attiva
  • allaccio e prima attivazione, per l’allacciamento di un nuovo contatore della luce e l’attivazione del servizio di fornitura.

Se si è alle prese con un recesso del contratto luce o si vuole conoscere il costo per la chiusura del contatore elettrico, consigliamo la lettura delle nostre guide dedicate per ottenere tutte le informazioni utili.

Il costo luce dell’offerta 10x3 Variabile Luce Verde di Iren è il seguente: PUN + 0,044 €/kWh + 10€ costi mensili di commercializzazione.


In altre parole, questo prezzo è dato dalla formula (PUNbase_mese + Spread) x (1+λ), dove:

  • PUNbase_mese: coincide con la media aritmetica, per ogni mese, del Prezzo Unico Nazionale. Il suo valore è consultabile in modo del tutto trasparente sul sito del Gestore dei Mercati Energetici.
  • Spread: rappresenta un corrispettivo fisso per 24 mesi, pari a 0,052 €/kWh, che va ad aggiungersi al prezzo all’ingrosso
  • λ: è il fattore di correzione per il calcolo delle perdite di rete, pari a 0,10.

La quota di commercializzazione è di 10,00€ mensili. È inoltre previsto un bonus di 30,00€ in bolletta, erogato in tre tranches da 10,00€ (1°, 6° e 12° mese di fornitura).

Wekiwi Energia alla Fonte

Il prezzo dell’energia “alla fonte” garantito dall’offerta luce di Wekiwi è connesso al mercato all’ingrosso, proprio come le alternative precedenti. Ciò che caratterizza la proposta del fornitore è:

  • l’innovativo meccanismo di fatturazione
  • la speciale scontistica dedicata alla clientela.

Prima di scoprire il costo luce del piano Energia alla Fonte di Wekiwi, approfondiamo i due punti menzionati.

La fatturazione in acconto, in attesa dei dati di consumo effettivi da parte del distributore, avviene sulla base di una Carica mensile scelta dallo stesso cliente tra diversi tagli (si parte da un minimo di 20,00€). L’importo prepagato, che idealmente si avvicina di più alla propria spesa mensile, viene poi conguagliato esclusivamente con i consumi reali.

Oltre alla Carica, l’utente provvede a selezionare anche la periodicità di fatturazione desiderata, tenendo conto dei seguenti costi:

  • bimestrale 1,00€ a fattura
  • trimestrale 0,50€ a fattura
  • quadrimestrale gratuita.

Per quanto concerne la scontistica, il cliente può beneficiare di:

  • Sconto Online: spettante se anziché utilizzare il Servizio Clienti telefonico, si scelgono i canali di assistenza digitali, quali posta elettronica, App, Area personale e social network
  • Sconto sulla Carica: ne ha diritto colui che opta per una Carica congrua rispetto al consumo effettivo di energia.

Entrambi vengono riconosciuti a partire dal primo mese di fornitura per contratti superiori ai 12 mesi.

Tornando al prezzo luce indicizzato di Wekiwi, da listino questo è pari al PUN + 0,105 €/kWh. Ma il contributo cala fino a PUN + 0.05€/kWh* con l’applicazione dello sconto online (- 0,05 €/kWh) e dello sconto sulla Carica (- 0.05 €/kWh) previsto dall’offerta Energia alla fonte (Sconto intero).

Come si calcola il Costo dell’Energia Elettrica?

Come visto in precedenza, la spesa per la materia energia rappresenta una buona fetta della bolletta elettrica e nel Mercato Libero, è l’unica componente che differisce tra i vari provider. Difatti, le restanti voci che compongono l’importo complessivo della fattura sono identiche per tutti i fornitori.

Ma come calcolare il costo orario dell’energia elettrica in base alla propria offerta attiva? Precisiamo subito che se si è alla ricerca del costo luce effettivo al kWh, l’operazione è praticamente impossibile. Ciò è dovuto alla quantità di variabili che influenzano i dati alla base del calcolo, in primis le quote fisse.

Però, si possono ricavare due informazioni indicative che tornano utili per fare qualche riflessione sulla soluzione di fornitura del proprio gestore, ovvero:

  1. il costo medio unitario per la sola materia prima energia
  2. il costo medio unitario della bolletta.

Quanto costa un kWh?

Nel primo caso, è sufficiente fare il rapporto tra la spesa della materia energia e il numero dei kWh fatturati dal venditore. Come anticipato tale valore non corrisponde al costo luce effettivo del proprio piano tariffario, in quanto nel calcolo rientrano tutte le voci (perdite di rete, dispacciamento, vendita, approvvigionamento) relative all’attività della compagnia energetica.


L’ARERA ha rimosso tale dato dalla bolletta ritenendolo non idoneo al fine di comparare le diverse tariffe disponibili sul mercato. Oltretutto potrebbe trarre in inganno, perché le quote fisse spalmate su un consumo di luce elevato tendono a far diminuire il costo medio unitario. Mentre se i consumi sono bassi, quest’ultimo cresce per via dell’incidenza maggiore della quota fissa.

Dividendo il totale della fattura in euro, comprensivo delle imposte ma escluso il canone RAI, per il numero dei kWh fatturati, si ottiene il costo medio unitario della bolletta. Il risultato in questo caso include tutte le voci di spesa presenti nel documento, dalla vendita alla distribuzione, dagli oneri di sistema alle tasse, oltre ad eventuali servizi accessori.

Quali Fattori Influenzano il Costo Luce kWh?

I fattori principali che influenzano il costo luce al kWh pagato dal cliente finale sono strettamente connessi a:

  1. i costi di produzione, a loro volta collegati alle diverse fonti, quali petrolio, gas naturale, fotovoltaico, idroelettrico, eolico ecc., e alle tecnologie impiegate
  2. il rapporto tra domanda e offerta di energia. Tendenzialmente quando la prima supera la seconda il prezzo aumenta, mentre quando il rapporto si inverte il prezzo cala
  3. le scelte del Governo dei singoli Paesi, che possono incidere sul prezzo introducendo ad esempio tasse o incentivi fiscali a favore delle fonti rinnovabili
  4. le condizioni metereologiche, che influiscono sia sulla tipologia di fonti di produzione disponibili in determinati periodi dell’anno che sulla domanda energetica stessa.


Infine, bisogna ricordare che in Italia, secondo i dati del biennio 2021/2022 resi noti dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici), oltre il 50% della produzione energetica avviene tramite combustili fossili.

Di conseguenza, il prezzo dell’energia elettrica è legato a doppio filo con quello del gas naturale. Quest’ultimo si caratterizza per volatilità e stagionalità, oltre a risentire delle tensioni geopolitiche che investono gli Stati produttori da cui lo importiamo.

Ad esempio, l’aumento del prezzo luce del quarto trimestre nel Mercato Tutelato, è dovuto all’andamento delle attuali quotazioni all’ingrosso, in rialzo anche a causa del costo del gas naturale, che di norma sale durante i mesi più freddi.

Ovviamente il prezzo di riferimento dell’energia elettrica acquistata sul mercato della Borsa Elettrica Italiana è alla base delle offerte indicizzate formulate dai fornitori del Mercato Libero. Però questi hanno la facoltà di determinare il prezzo al kWh della componente energetica anche proponendo tariffe bloccate. Ciò significa pagare, per tutto il periodo definito nel contratto di fornitura, sempre il medesimo prezzo per ogni kWh consumato.

Quanto Costa l’Energia Elettrica al Metro Quadro?

Non è possibile definire un costo univoco dell’energia elettrica al metro quadro poiché per stimarlo è necessario prendere in considerazione diversi elementi, tra cui:

  • il costo energia al kWh relativo alla fascia oraria in cui questa viene consumata
  • il consumo in un anno solare, in quanto quello relativo ad un arco temporale inferiore risentirebbe delle variazioni stagionali
  • la classe energetica dell’abitazione
  • il costo luce al kWh applicato dal proprio fornitore.

Cosa si intende per Kilowattora?

Il kilowattora rappresenta l’unità di misura impiegata per indicare la quantità di energia che consumi. In sostanza, un kWh equivale al quantitativo di energia assorbito in un’ora da un apparecchio con potenza di 1 kW o 1000 W.

Il KWh serve a quantificare e fatturare i consumi di energia elettrica del cliente di un’azienda energetica. I kilowattora consumati nel periodo di fatturazione in oggetto, rilevati tramite il contatore elettrico, vengono trasmessi dall’impresa di distribuzione al fornitore. Quest’ultimo provvede poi ad addebitarli nella bolletta della luce.

Tuttavia, la quantità di energia erogata, calcolata in kWh, corrisponde solo a una parte dell’importo complessivo che l’utente è tenuto a pagare. Infatti, poi si aggiungono ulteriori componenti come le imposte, gli oneri di sistema e la quota per il trasporto e la gestione del contatore.

Per avere una panoramica completa delle proposte attualmente in commercio, nonché per confrontare i costi al kWh delle varie soluzioni, è possibile utilizzare il Portale Offerte di ARERA. La piattaforma online e gratuita dell’Autorità è raggiungibile cliccando su questo link.

Risparmia sul prezzo della luce e attiva la migliore offerta con noi GRATUITAMENTE

Info

Aggiornato su 2 Mag, 2024

redaction La Redazione di PrestoEnergia
Redactor

Arianna Lampitiello