Recesso del Contratto Luce: Diritto, Costi e Tempistiche

Servizio Gratuito: dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 20:00 ed il Sabato dalle 9:00 alle 17:00

Sommario: Hai bisogno di interrompere la fornitura in quanto stai lasciando la tua attuale casa o desideri cambiare il fornitore di gas e luce? hai il diritto di recedere in qualunque momento, rispettando le tempistiche di preavviso nonchè le modalità indicate dall’Autorità competente ARERA.

Diritto Recesso Contratto Luce

Cosa significa esattamente “diritto di recedere”?

Con diritto di recesso ci si riferisce a quella clausola presente nel contratto sottroscritto per la fornitura di luce oppure gas metano che ti consente di chiudere anticipatamente il contratto.

Questa possibilità può essere esercitata sia dal gestore che dal cliente finale, a condizione che sia rispettato quanto stabilito nel contratto stesso, senza considerare la modalità con la quale è stato sottoscritto.

L’azione di recesso, inoltre, può configurarsi come collegamento al cambio di fornitore o alla disabilitazione della modalità di pagamento.

La totalità dei clienti, sia quelli con le utenze già attive con il servizio regolamentato che quelli nel mercato deregolamentato (libero), hanno il diritto di rescindere il contratto di fornitura.

Il recesso dovrà essere comunicato inviando una raccomandata, come definito nel contratto, in modo da poter verificare che la comunicazione sia stata effettivamente ricevuta dal gestore.

Nell’ipotesi di recesso con sostituzione di fornitore,  non sarà necessario inviare una raccomandata in quanto il fornitore nuovo selezionato si occuperà delle questioni amministrative e comunicherà al precedente fornitore l’avvenuta rescissione dell’accordo.

Recesso utenza luce: Quali le tempistiche?

Secondo le disposizioni dell’Autorità, il cliente ultimo possiede il diritto di poter terminare la fornitura del proprio gestore in qualunque momento, ottemperando il preavviso richiesto.

Ma entro quanti giorni il consumatore deve comunicare l’intenzione di terminare la fornitura? L’AEEG ha definito diversi tempi di preavviso a seconda della situazione del cliente ultimo. Nonostante ciò, è sempre buona norma consultare il le indicazioni previste da contratto. Nella maggior parte dei casi, la procedura avviene nel seguente modo e con le tempistiche indicate:

  1. Nel caso in cui il cliente desidera interrompere il contratto luce per cambiare fornitore di gas e luce, deve parlare con il fornitore non successivamente al decimo giorno del precedente mese alla data di modifica, come specificato nell’articolo 7.3 contenuto nella relativa delibera.
  2. Cambaindo fornitore, il consumatore deve rivolgersi al nuovo, affinché quest’ultimo possa esercitare il diritto di recesso a nome del cliente con la fornitura per l’azienda precedente tramite il Sistema Informativo Integrato.
  3. La nuova azienda di vendita inoltrerà la domanda di recesso non più tardi del decimo giorno del precedente mese in data di modifica del gestore, utilizzando la PEC e fornendo le informazioni anagrafiche del cliente e quelli riconducibili alla fornitura.

Nel ipotesi in cui il cliente richieda la conclusione del contratto solo per interrompere la fornitura luce , senza voler modificare gestore, il preavviso da comunicare al fornitore non può superare un mese. In questa casistica, la richiesta di esercizio del recesso dovrà essere inviata dal cliente tramite raccomandata.

Leggi la nostra pagina dedicata alle tempistiche del cambio di fornitura per scoprire di più a riguardo.

Recesso contratto luce: Quanto Costa?

Niente! Infatti, l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (ARERA) attraverso la delibera 302/2016/COM del 9 giugno 2016 e l’aggiornamento del 1 gennaio 2017, ha stabilito le modalità e i tempi relativi al diritto di recesso per i contratti di fornitura di luce e gas.

Secondo l’articolo 2, che riguarda l’ambito di applicazione, l’Autorità ha stabilito che il diritto di recesso non può comportare spese di chiusura o penali, come specificato anche nel contratto di fornitura inviato dal fornitore al cliente finale.

Quali documenti sono necessari per concludere il contratto?

  • Dati anagrafici dell’intestatario dell’utenza
  • Informazioni sulle utenze: POD per l’energia elettrica e PDR per il gas
  • Lettura del contatore
  • Indirizzo della fornitura
  • Data in cui si prevede la disattivazione della fornitura
  • Richiesta scritta di rescindere il contratto di fornitura

Il fornitore ha diritto di recesso dal contratto?

Secondo le disposizioni dell’AEEG, anche il gestore ha il diritto di esercitare il recesso, come definito nel contratto.

Questo può accadere solo se il fornitore è un’azienda che opera nel mercato deregolamentato (libero), ma non in quello tutelato.

Il fornitore è tenuto a inoltrare al cliente ultimo una comunicazione in forma scritta, seguendo le modalità specificate nel contratto.

 

Tale comunicazione dovrà essere trasmessa con un periodo di preavviso pari a almeno un semestre, mediante un sistema mediante il quale gli consenta al gestore di controllare l’effettiva ricezione per quanto riguarda la comunicazione del cliente finale.

Il preavviso inizia a decorrere dalla data in cui avviene la ricezione dell’avvenuto recesso del cliente.

Dernière mise à jour : 2 mai 2024

La Redazione di PrestoEnergia

Marianna Giampani

Marianna Giampani

Redattrice Energia