Tempi per il cambio fornitore luce: tutto quello che c’è da sapere

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

Sommario: Sei insoddisfatto del tuo attuale fornitore di energia elettrica e vorresti scoprire le tempistiche per effettuare questa procedura? In questo articolo, ti forniremo informazioni preziose sui benefici del cambio di fornitore e ti guideremo passo dopo passo per effettuare una transizione agevole e vantaggiosa.

Cambiare fornitore luce: quanto ci vuole per il passaggio?

Il passaggio a un nuovo fornitore di energia elettrica avviene in tempi piuttosto rapidi, solitamente richiedendo uno o due mesi.
Durante questo periodo, il nuovo operatore si occupa di tutte le procedure necessarie per il cambio, compreso il recesso dal fornitore precedente e l’organizzazione degli aspetti tecnici e commerciali, così come la raccolta dei documenti necessari.

  • La data precisa per l’avvio del nuovo contratto viene comunicata al cliente con un preavviso di alcuni giorni. In questo modo, il fornitore energetico precedente ha l’opportunità di effettuare l’ultima lettura del contatore, che è fondamentale per emettere l’ultima bolletta e, se necessario, calcolare l’eventuale conguaglio.
  • D’altra parte, il cliente può prendere nota dei consumi di luce e gas fino a quel momento e verificare che corrispondano a quelli indicati nell’ultima bolletta emessa dal fornitore precedente.

Questo processo di transizione consente un cambio agevole e garantisce che tutti i dettagli siano gestiti correttamente per una continuità senza interruzioni nel servizio di fornitura energetica.

Inoltre, garantire un passaggio senza interruzioni a un nuovo operatore per l’energia elettrica domestica, è fondamentale rispettare una tempistica precisa.

Cosa succede durante la fase di transizione

Quando decidi di cambiare fornitore di energia elettrica, è importante conoscere cosa succede durante questa fase di transizione. Ecco cosa puoi aspettarti durante il cambio:

  1. I consumi continueranno ad essere fatturati dal vecchio gestore.
  2. Riceverai una bolletta di conguaglio per concludere il rapporto.
  3. Il distributore fornirà la lettura del contatore al nuovo gestore.
  4. Il periodo di cambio dipende dalla situazione: i clienti domestici avranno un mese a partire dal primo giorno del mese successivo alla comunicazione, mentre i clienti non domestici avranno un mese dal Servizio di Maggior Tutela e tre mesi dal mercato libero.


Queste informazioni ti aiuteranno a comprendere meglio il processo di cambio e a gestire in modo efficace la transizione verso un nuovo fornitore di energia elettrica.

Vuoi Cambiare Gestore Luce? 10 Consigli Per Farlo

Vuoi individuare un fornitore di energia elettrica migliore e più conveniente? Ecco 10 suggerimenti per cambiare fornitore agevolmente e risparmiare davvero.

  1. Scopri le differenze tra il Servizio di Maggior Tutela e il mercato libero. In Italia, hai due opzioni per ottenere energia elettrica: il Servizio di Maggior Tutela (o mercato tutelato) e il mercato libero. Nel mercato tutelato, le tariffe sono stabilite dall’ARERA e vengono aggiornate trimestralmente. Nel mercato libero, il costo dell’energia è determinato dalla società fornitrice.
  2. Valuta il tuo consumo annuale di kilowattora (kWh). Questo dato ti sarà utile per individuare l’offerta più adatta alle tue esigenze. Puoi trovare questa informazione sulla tua bolletta o stimarla in base all’utilizzo degli elettrodomestici. Puoi anche fare uso di strumenti online per effettuare il calcolo.
  3. Considera i tuoi modelli di consumo. Se consumi di più durante determinati intervalli orari, potrebbe essere preferibile una tariffa bioraria. Se, invece, consumi in modo uniforme, una tariffa monoraria potrebbe essere più adatta.
  4. Verifica il costo medio della tua bolletta attuale. Annota il costo medio unitario della bolletta e del consumo di energia. Questi valori ti consentiranno di confrontare la convenienza della tua tariffa attuale con altre offerte disponibili.
  5. Utilizza strumenti di confronto delle tariffe. Opta per un comparatore online per individuare le migliori offerte in base alle tue esigenze.
  6. Fai attenzione a non cadere in inganni. Ricorda che non sono previste penali per il cambio di fornitore, non ti troverai senza energia elettrica e non dovrai apportare modifiche al contatore o all’impianto.
  7. Consulta un esperto. Puoi rivolgerti a un consulente esperto che ti aiuterà nella scelta della migliore offerta disponibile.
  8. Valuta il pagamento tramite RID. Alcuni gestori offrono sconti se scegli di effettuare il pagamento tramite addebito diretto sul tuo conto corrente.
  9. Scopri le offerte combinate. Alcuni operatori offrono pacchetti che includono luce, gas e internet, il che potrebbe risultare conveniente se stai valutando anche il cambio del gestore del gas.
  10. Tieni d’occhio le scadenze. Le promozioni hanno un periodo di validità limitato, quindi annota la data di scadenza dell’offerta scelta e controlla le promozioni attive poco prima per individuare l’opzione migliore disponibile.


Il cambio del gestore di energia elettrica può essere un processo semplice e vantaggioso. Non lasciarti sfuggire l’opportunità di risparmiare e trovare un’offerta più conveniente.

Cambiare Fornitore: Vantaggi e Consigli

Il passaggio a un diverso fornitore può essere utile indipendentemente dalla ragione per cui si è insoddisfatti della situazione attuale. Non solo nel caso in cui si sia sottoscritto una tariffa poco vantaggiosa, ma anche se si sono verificati problemi o malfunzionamenti e il servizio clienti non ha risposto prontamente.

Muoversi in questa fase può essere vantaggioso anche per coloro che si trovano ancora nel regime di Maggior Tutela e vogliono evitare sorprese quando questo regime sarà eliminato (è importante essere consapevoli delle possibili conseguenze se non ci si adegua entro tale data).

Cambio fornitore luce e gas durante un trasloco

Cambiare fornitore gas o luce può essere consigliato durante un trasloco se i contatori luce e/o gas sono attivi. In questo caso, è consigliabile effettuare il trasferimento della fornitura insieme al cambio del fornitore per poter beneficiare di un’offerta che si adatti alle proprie esigenze.

Per facilitare la scelta, molti fornitori offrono strumenti online per confrontare le offerte disponibili. In questo modo, è possibile valutare i prezzi, i servizi aggiuntivi e le condizioni contrattuali per prendere una decisione informata. Ricorda che il passaggio a un nuovo fornitore non comporta interruzioni del servizio o modifiche ai contatori.

Il mercato libero dell’energia offre molte opportunità agli utenti. Cambiare fornitore può portare vantaggi sia in termini di risparmio economico che di miglior servizio. Valuta attentamente le tue esigenze e confronta le offerte disponibili per trovare la soluzione più adatta a te.

In conclusione, per effettuare un cambio di operatore energetico senza interruzioni, è essenziale rispettare la tempistica e seguire le procedure indicate.

Vuoi cambiare fornitore luce in 5 min? Chiamaci GRATIS!

Info

Aggiornato su 3 Ago, 2023

redaction La Redazione di PrestoEnergia
Redactor

Daniele Tarantino

Redattore Energia