Distacco Luce Morosità: cosa succede con la bolletta non pagata?

Servizio Gratuito: dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 20:00 ed il Sabato dalle 9:00 alle 17:00

Sommario: Il distacco luce morosità è un’operazione necessaria quando il consumatore non paga la bolletta nonostante sia ormai passata la data della scadenza. Si tratta semplicemente di una forma di tutela per il fornitore che, come giusto che sia, vuole essere pagato per il servizio erogato. Da qui, nel caso in cui l’acquirente venga meno ai suoi doveri, arriverà la sospensione dell’energia elettrica.

Distacco Luce Morosità Conseguenze e Costi

Approfondiamo questo importante tema toccando i seguenti argomenti:

  • Cosa accade se non si paga la bolletta?
  • Quali sono i costi da pagare in caso di mancato pagamento della bolletta?
  • In che modo si può riattivare la fornitura interrotta per mora?
  • In quali occasioni la fornitura non verrà sospesa?
  • Cosa fare se la bolletta arriva già scaduta?
  • Comunicare l’avvenuto pagamento della bolletta: come farlo?

Cosa accade se non si paga la bolletta?

Quando arriva una bolletta da pagare ci sono alcuni dati da tenere ben presente come la data di scadenza indicata nella prima pagina della fattura ricevuta. Ma cosa accade qualora non si provveda a saldare quanto dovuto nei tempi previsti dal gestore?

Prima di tutto il fornitore invierà al suo cliente una comunicazione come sollecito di pagamento, dopodiché si arriverà ad una raccomandata con i termine ultimo per il saldo bolletta. Esso deve essere:

  • Maggiore di 20 giorni dall’emissione della raccomandata
  • Maggiore a 15 giorni dall’invio della raccomandata

Scaduto anche il termine ultimo di pagamento senza il dovuto pagamento da parte del cliente, il gestore sospenderà la fornitura. A tal proposito scopri tutto ciò da sapere sul cambio fornitore in morosità, per conoscere la procedura da seguire e cosa succede in questi casi.

In breve, distacco luce per morosità, cosa accade quando non si paga la bolletta entro la scadenza:

  1. Il fornitore invia sollecito di pagamento dando un ulteriore paio di giorni per saldare.
  2. Se la bolletta non viene saldata, il fornitore invia una raccomandata con il termine ultimo di pagamento prima della sospensione della fornitura, le modalità e i contatti di riferimento. La raccomandata può indicare eventualmente la riduzione della potenza fino al 15%, prima della sospensione vera e propria passati 15 giorni.
  3. Sospensione della fornitura.

Bisogna sapere che il distacco luce senza preavviso non è possibile, il fornitore non può assolutamente farlo perché violerebbe quanto stabilito dal TIMOE di ARERA, le normative sulla morosità. Nel caso non fossi interessato a quanto previsto per l’energia elettrica, visita il nostro articolo interamente dedicato al distacco gas per morosità, in modo da avere i dettagli fondamentali necessari.

Quali sono i costi da pagare in caso di mancato pagamento della bolletta?

Dal pagamento in ritardo al distacco morosità energia elettrica, a seconda della situazione il consumatore avrà determinate spese da dover sostenere per continuare a sfruttare l’utenza di casa. Dopotutto, ci sono regole e termini ben definiti fin dal contratto iniziale, insieme alle normative del settore: non saldando una fattura si viola quanto previsto dagli accordi con il gestore.

  • Mercato Tutelato: il fornitore ha la possibilità di richiedere gli interessi di mora per i giorni di ritardo con tasso stabilito dalla BCE aumentato del 3,5%.
  • Mercato Libero: il fornitore ha la possibilità di richiedere gli interessi di mora per i giorni di ritardo e tutte le spese previste dal contratto.


Il distacco della luce per morosità prevede alcune spese per la sospensione e riattivazione dell’utenza. Vediamole insieme:

  • Mercato Tutelato: contributo fisso di circa 25,10 € ridotto del 50% se è installato un contatore telegestito, contributo per oneri amministrativi di 23 € per riduzione potenza o sospensione, contributo fisso per oneri amministrativi di 23 € per ripristino potenza e riattivazione fornitura.
  • Mercato Libero: contributo fisso per oneri amministrativi di 25,10 € ridotto del 50% con contatore telegestito ed eventuale addebito di costi per la prestazione commerciale secondo quando è indicato nei contratti.

Puoi risparmiare in bolletta fin da subito approfittando delle opportunità che presenta ogni giorno il mercato. Affronta al meglio i rincari e scegli le giuste tariffe per te e la tua casa! Trova le migliori offerte luce e le promozioni gas che più rispecchiano le tue esigenze e abbatti tutte le tue spese come meglio credi.

In che modo si può riattivare la fornitura interrotta per mora?

Quando avviene il distacco della luce è comunque possibile risolvere ogni questione e poter riattivare la fornitura sospesa per morosità. L’acquirente dovrà inviare al venditore la richiesta con tutta la documentazione necessaria e la conferma del pagamento effettuato. La modalità di inoltro deve seguire quanto indicato nella comunicazione di messa in mora del gestore.

Ricevuta l’attestazione di pagamento del cliente, il fornitore deve inviare immediatamente al distributore la richiesta di riattivazione dell’utenza. Quest’ultimo deve poi procedere all’operazione di ripristino della fornitura (entro un giorno feriale dalla data di ricevimento della richiesta da parte del fornitore). 

Nel caso in cui il distributore riattivasse la fornitura oltre i tempi previsti, il cliente ha diritto ad un indennizzo automatico di:

  • 35 € per riattivazioni eseguite entro il doppio del tempo massimo previsto
  • 70 € entro il triplo del tempo previsto
  • 105 € se viene superato il triplo del tempo previsto
Tempo di riattivazioneIndennizzo
Fino al tempo previsto0 €
Fino al doppio del tempo previsto35 €
Fino al triplo del tempo previsto70 €
Oltre il triplo del tempo previsto105 €

In quali occasioni la fornitura non verrà sospesa?

Il distacco energia elettrica per morosità non può avvenire in determinate occasioni! Scopriamo insieme quando la fornitura non può essere sospesa:

  • Quando ricadrebbe nei giorni di venerdì e sabato e quelli festivi e prefestivi.
  • Se non vi è stata nessuna comunicazione della messa in mora come stabilito dalle norme.
  • Se il pagamento è già stato effettuato e comunicato al fornitore secondo le disposizioni contenute nella comunicazione di costituzione in mora.
  • Se il fornitore non ha fornito una risposta motivata ad un reclamo scritto del cliente, magari riferito ai consumi, disservizi e malfunzionamenti vari. Il gestore ha l’obbligo di rispondere in modo esaustivo e motivato al reclamo e poi, nell’eventualità, procedere alla sospensione.
  • Nel caso in cui l’importo del mancato pagamento sia inferiore o uguale al deposito cauzionale e comunque inferiore a quello che è l’ammontare del valore medio stimato delle bollette precedenti.
  • Se si tratta di clienti connessi in bassa tensione, quando la morosità riguarda dei pagamenti che non sono indicati nei contratti.
  • Se il mancato pagamento riguarda dei servizi diversi dall’energia elettrica.

Inoltre, la fornitura non può mai essere sospesa quando:

  1. Si tratta di clienti definiti “non disalimentabili“, per esempio se vi sono persone che per vivere devono essere connessi a macchine salvavita.
  2. Si tratta di clienti per cui, fino a quando sono rimasti serviti dall’impresa distributrice, non è stata prevista nessuna sospensione della fornitura, questo in base alle funzioni di pubblica utilità svolte dagli stessi.
  3. I clienti sono identificati ai sensi del piano di emergenza per la sicurezza del servizio elettrico secondo la Delibera CIPE n. 91 del 16 novembre 1979.

Nel mondo luce e gas è importante rimanere sempre aggiornati sul prezzo gas e quello luce, oltre che conoscere tutte le tariffe disponibili sul mercato per dimezzare le spese. Potrebbe interessarti l’elenco fornitori energia elettrica e gas per individuare la compagnia più adatta a te e a quello che stai cercando.

Cosa fare se la bolletta arriva già scaduta?

Ti è arrivata una bolletta già scaduta o non l’hai proprio ricevuta? Possono verificarsi delle situazioni particolari come un ritardo del fornitore o disguido del sistema postale, in certi casi è importante essere attenti per non dover pagare ingiustamente dei prezzi maggiorati.

Secondo l’Autorità ARERA ogni fornitore è obbligato a riportare in bolletta luce la data di emissione e la scadenza per il pagamento, fissata almeno 20 giorni dopo alla data dell’emissione. Già solo per questo si dovrebbe scongiurare l’arrivo di una fattura in ritardo, ma come detto, potrebbe capitare qualche disguido e ritardo nel sistema postale.

In questi casi è importante mettersi in contatto con il fornitore (sia telefonicamente che, ancora meglio, direttamente ad uno sportello) per spiegare la situazione e trovare la soluzione migliore per entrambi, senza rimetterci.

Potrebbe essere utile attivare la domiciliazione sul conto corrente per evitare di dimenticarsi di pagare una fattura o scegliere la bolletta web, per avere i documenti comodamente online, con tutti gli importi da saldare.

Inoltre. c’è l’interessante opzione di rateizzazione bolletta, per dilazionare i pagamenti e avere meno difficoltà per il saldo dell’importo totale. Visita la pagina indicata per avere subito tutte le fondamentali informazioni e ricevere un vasto supporto per continuare a sfruttare le tue utenze di casa senza problemi.

Comunicare l’avvenuto pagamento della bolletta: come farlo?

L’avvenuto pagamento dopo il distacco per morosità luce deve essere comunicato il prima possibile al gestore. In questo caso basterà inviare la ricevuta dello stesso e seguire esattamente le modalità che sono state indicate singolarmente sulla bolletta o sul sollecito di pagamento da ogni fornitore (come spiegato in precedenza nell’articolo).

Per ottenere tutta l’assistenza di cui necessiti puoi anche visitare il sito ufficiale dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA). In questo portale online trovi novità, articoli, atti e provvedimenti, comunicati stampa, dati, documenti e statistiche del settore energetico.

Oltre a questo potrai consultare tutte le normative che regolano la luce e il gas e essere aggiornato sull’andamento dei prezzi delle materie prime sul mercato (importante vista la fragile situazione rincari in bolletta). Vai subito alla pagina principale del sito ufficiale di ARERA a questo link

Dernière mise à jour : 2 mai 2024

La Redazione di PrestoEnergia

Daniele Tarantino

Daniele Tarantino

Redattore Energia