Condizionatore: Consumi, Costi e Come Risparmiare

Servizio Gratuito: dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 20:00 ed il Sabato dalle 9:00 alle 17:00

Sommario I condizionatori sono diventati un elemento fondamentale nelle nostre case, specialmente durante i mesi estivi. Nonostante ciò, il loro utilizzo costante può avere un impatto negativo sulla bolletta dell’energia elettrica. Stai valutando di acquistarne un condizionatore nuovo oppure ne possiedi già uno e vuoi risparmiare sulla bolletta della luce? Ecco alcuni preziosi consigli su come sceglierlo e capirne il funzionamento e risparmiare!

Condizionatori

Il Consumo di Energia di un Condizionatore

Il funzionamento del condizionatore richiede un consumo di energia elettrica, il quale dipende dai seguenti fattori:

  • Il modello dell’apparecchio
  • la zona climatica in cui si trova l’abitazione
  • le caratteristiche dell’edificio (isolamento delle pareti e del tetto)
  • le finestre
  • l’esposizione.

  • conoscere il significato dei simboli del telecomando e
  • adottare comportamenti virtuosi, come installare l’apparecchio in una stanza ben coibentata e posta in zona d’ombra.

Cos’è l’etichetta energetica?

L’etichetta energetica dell’apparecchio indica la sua classe energetica, la quale definisce l’efficienza dell’apparecchio.

Un condizionatore con una classe energetica superiore consumerà meno corrente di un modello più obsoleto per raffrescare la stessa casa.

Inoltre, il consumo di energia del condizionatore varia anche in base alle condizioni climatiche esterne e al periodo dell’anno, ad esempio il consumo energetico sarà maggiore nei periodi di caldo intenso.

Per stimare il consumo annuale di un condizionatore, si può consultare l’indice SEER, che determina il consumo energetico stagionale del condizionatore a seconda della classe energetica d’appartenenza. Ecco una tabella riassuntiva sui consumi di energia in kWh annui:

CONSUMI CONDIZIONATORE PER CLASSE ENERGETICA
SEEREfficienza EnergeticaConsumo stimato annuo
8,5A180 kWh
5C280 kWh
3G450 kWh

Inoltre, per conoscere il consumo preciso del proprio condizionatore, è possibile utilizzare un misuratore di corrente, da collegare direttamente alla presa o tramite una multipresa. In questo modo, sarà possibile monitorare il consumo energetico dell’apparecchio e adottare precauzioni per ridurre i costi nella bolletta luce.

Come Risparmiare con Il Condizionatore: Abbatti i Costi della Bolletta Luce

CI  sono diverse opzioni e alcuni accorgimenti che possono essere adottati per ridurre il consumo energetico del condizionatore:

  1. La prima è scegliere un’offerta luce più conveniente, magari optando per il pagamento automatico con la domiciliazione bancaria e la bolletta digitale tramite e-mail.
  2. Acquistare un modello con una classe energetica elevata e di potenza adeguata alla dimensione dell’ambiente da raffreddare.
  3. Utilizzare un deumidificatore per limitare l’accensione prolungata del climatizzatore.
  4. Controllare che la casa sia ben isolata per evitare dispersioni di energia
  5. Posizionare correttamente il condizionatore, specialmente per i modelli fissi con lo split interno, si consiglia di posizionare l’unità esterna in un posto fresco, possibilmente all’ombra.
  6. Infine, è fondamentale effettuare una regolare manutenzione e pulizia dei filtri, in modo da garantire il corretto funzionamento del climatizzatore e ridurre i consumi energetici.

  • impostare una temperatura non troppo bassa (al massimo di 5 gradi inferiore rispetto alla temperatura esterna),
  • evitare di aprire le finestre soprattutto durante le ore più calde del giorno e
  • programmare l’accensione e lo spegnimento del climatizzatore invece di lasciarlo acceso tutto il giorno.

Più di 1 Milione di clienti si rivolgono a noi! Affidati al nostro servizio semplice, veloce e GRATUITO! ✅ Che aspetti? Più di 1 Milione di clienti si rivolgono a noi! Affidati al nostro servizio semplice, veloce e GRATUITO! ✅ Che aspetti?

Offerte Luce: Risparmia sul Costo in Bolletta del Condizionatore!

La spesa finale in bolletta del condizionatore dipende pricipalmente dalla tariffa dell’energia elettrica scelta. Ecco una selezione delle offerte luce più convenienti a Maggio 2024

Offerte Luce per Risparmiare – Maggio 2024
Eni Plenitude Trend Casa PUN + 0,0231 €/kWh*
Edison World PlusPUN
Enel Formidabile0,116 €/kWh
Iren 10x3 Variabile Luce Verde PUN + 0,044 €/kWh
Wekiwi Energia alla fontePUN + 0.17 €/kWh*
Sorgenia Next Energy SunlightPUN + 0.013 €/kWh*

Condizionatori: Costi e Tipologie

Molte sono le marche di condizionatori affermate quando si sta cercando di scegliere un nuovo dispositico: Daikin, Mitsubishi, Samsung, Fujitsu, LG e Panasonic. Però, in generale, ci sono tre macro-categorie di condizionatori tra cui si può scegliere:

  1. Condizionatore senza unità esterna: ideale quando non si può installare l’unità esterna, può essere sia in versione portatite o fissa. Questi modelli sono più rumorosi e hanno prestazioni inferiori in termini di efficienza. Il costo varia a seconda della potenza e della marca, con prezzi che partono da 250 € per le unità portatili e da 400 € per quelli fissi a muro con tubi.
  2. Condizionatore con unità esterna: la tipologia più diffusa, con il classico split installato nei diversi ambienti della casa e l’unità esterna posta fuori dalla finestra, in balcone o in terrazzo.  Si può trovare un’offerta a partire da 250 € per i modelli a bassa efficienza energetica, ma i modelli più innovativi possono costare oltre 1.000 €. Molte volte l’installazione non è inclusa, e prevede costi aggiuntivi che in genere non superano i 100 €.
  3. Condizionatori a pompa di calore:  ovvero il condizionatore che può anche produrre aria calda anche se non può sostituire completamente un impianto di riscaldamento.  Il costo, come per gli altri modelli, varia con prezzi che partono da 350 € per i modelli per piccoli ambienti e possono raggiungere i 1.500 € per i prodotti ad alta efficienza energetica per ambienti ampi.

Le Caratteristiche dei Condizionatori: Come Seglierlo?

I vecchi condizionatori on/off senza tecnologia inverter sono stati eliminati dal mercato nel 2013, adesso la maggior parte dei condizionatori disponibili sul mercato sono prodotti in Cina.

  • le prestazioni,
  • l’efficienza energetica,
  • l’estetica e
  • il prezzo.

Dunque, scegliere il giusto condizionatore è estremamente importante per risparmiare in bolletta visto che  il suo consumo solo può rappresentare fino al 15% del consumo elettrico totale.

Efficienza Energetica e Consumi

Per quanto riguarda l’efficienza energetica dei condizionatori a partire da marzo 2021, è stato introdotto il nuovo sistema di etichette energetiche dell’Unione Europea, che si applica a tutti i grandi elettrodomestici, inclusi i condizionatori d’aria.

Le nuove etichette semplificano il sistema precedente del 2013 e sono suddivise in sette classi energetiche, dalla G, che è la più bassa, fino alla categoria migliore, la A. Classificate per: criteri di standard minimi per la fabbricazione, efficienza edi rumorosità.

Inoltre, la capacità stagionale del condizionatore è indicata da due indici:

  1. il SEER per il raffreddamento e
  2. lo SCOP per il riscaldamento.


Ad esempio, un valore SCOP di 4 significa che la macchina consuma 1 kW di energia per produrre 4 kW di calore. Maggiore è l’indice SEER o SCOP, migliore è la classe energetica del condizionatore.

Come scegliere la potenza del condizionatore?

Per scegliere la potenza adatta del condizionatore, si devono considerare:

  • il volume e l’esposizione della stanza,
  • il numero di finestre e
  • la presenza di altri apparecchi che generano calore.

Può capitare che utilizzando contemporaneamente climatizzatore e altri elettrodomestici per lungo tempo la potenza di un’utenza domestica da 3 kW non sia sufficiente. In questi casi si può aumentare la potenza del contatore. Tuttavia, è importante considerare che una potenza del contatore più elevata comporta una spesa fissa maggiore in bolletta.

Attualmente, per l’aumento di 1 kW è pari bisogna pagare 70,41 €/kW (ridotto a 55,66 € per le utenze domestiche fino al 31 dicembre 2023) nel mercato libero, mentre nel mercato tutelato ha un costo di circa 55,66 €.


Condizionatori e Climatizzatori: Le Differenze

I condizionatori e i climatizzatori sono due sistemi simili, ma presentano alcune importanti differenze:

Il condizionatore è un sistema più semplice che permette di regolare solamente la velocità dell’aria, senza la possibilità di impostare la temperatura desiderata.[/callout]

Il climatizzatore, invece, è un sistema avanzato che permette di impostare sia la temperatura che il livello di umidità nella stanza, e ha la funzione di deumidificare l’aria. Inoltre, i climatizzatori moderni sono dotati di sensori che mantengono costanti le condizioni impostate.

Da notare che, anche se spesso chiamati condizionatori nella conversazione quotidiana, tutti gli apparecchi installati nelle nostre case oggi sono in realtà climatizzatori.

Il Funzionamento Tecnico del Condizionatore

Il condizionatore è un apparecchio che consente di abbassare la temperatura e l’umidità dell’ambiente in cui è posizionato.

Sia che si tratti di un modello portatile o fisso, il funzionamento di base è sempre lo stesso. Il fluido presente nel circuito evapora e assorbe il calore dall’ambiente, per poi rilasciarlo quando si condensa.


  1. Il fluido scorre all’interno del condizionatore in un circuito chiuso, evaporando grazie all’aria calda presente nella stanza e raffreddando così l’ambiente.
  2. Una volta passato nell’unità esterna, il fluido rilascia il calore nell’ambiente esterno e si condensa. L’acqua prodotta dal processo di condensazione viene eliminata tramite l’unità esterna.
  3. Questo processo avviene a diverse pressioni del fluido: quando passa nella batteria interna, il fluido è a bassa pressione, successivamente un compressore lo comprime per farlo andare nel condensatore, dove il fluido si trova ad alta pressione.
  4. Una valvola di espansione ha il compito di far tornare il fluido alla pressione inferiore. Le due unità sono collegate tra loro da apposite tubazioni.

L’energia elettrica necessaria al funzionamento del condizionatore viene utilizzata per azionare il compressore, il componente che aumenta la pressione del fluido. È importante tenere presente che per garantire l’efficienza energetica e prevenire problemi respiratori, i filtri dell’apparecchio devono essere puliti regolarmente.

Se vuoi risparmiare sulla bolletta della luce potrebbero interessarti i seguenti articoli:

Dernière mise à jour : 2 mai 2024

La Redazione di PrestoEnergia

Daniele Tarantino

Daniele Tarantino

Redattore Energia